Incredibile ma vero, a Mattinata (FG) una palestra è stata letteralmente devastata. Immaginate un giorno di tornare, dopo ben 70 giorni di clausura forzata per via di una pandemia globale, nella vostra cara palestra, e la trovate sottosopra: distrutta. Carrelli, finestre, banchi e sedie distrutti, tappetini e pavimento della palestra bruciati, palloni e materiale tecnico con il proprio logo rubati. Ecco, così si i dirigenti della ASD Volley Mattinata hanno ritrovato la propria palestra.

Mattinata è una piccola cittadina nel cuore del Gargano, nella provincia di Foggia, di appena 6.313 anime. Molti piccoli comuni sanno quanto è importante avere una palestra, una struttura, una società non solo per allenare i giovani, ma proprio perché i giovani e meno giovani possano sfogarsi, possano rifugiarsi nello sport di gruppo, socializzare. Sono una manna dal cielo e un’ancora di speranza. Tutto questo lo era anche per i ragazzi di Mattinata.

“Carrelli, finestre, banchi e sedie distrutti, tappetini e pavimento della palestra bruciati, palloni e materiale tecnico con il nostro logo rubati, da parte di individui vigliacchi che non possono fare altro che nascondersi. Quanto queste immagini testimoniano è un gesto vile che manifesta il totale fallimento di un’intera generazione. Inutile cercare una motivazione plausibile a questo scempio, eppure non possiamo esimerci dal manifestare tutto il nostro sdegno e la nostra profonda amarezza. A causa di ciò, la palestra delle scuole medie, un luogo pubblico gestito da una associazione sportiva locale che vive all’insegna dei sani valori dello sport, non potrà più assurgere alla sua destinazione in quanto necessita di opere di riqualificazione e di riallestimento dei materiali. Questi atti vandalici hanno di fatto stroncato le gambe a un progetto sportivo che in questi cinque anni è cresciuto tantissimo assieme alla gioia e all’entusiasmo dei suoi giovani atleti e che vedeva quest’anno le ragazze del campionato open femminile prime in classifica e prossime alle finali nazionali Aics. Si perde pertanto non solo un luogo di aggregazione fruibile a tutti, ma anche l’ennesima possibilità di crescita. Impossibile insegnare la disciplina e il rispetto delle regole a chi evidentemente non ha neanche rispetto per sé stesso: vergogna!”

A noi di Pallavolisti Brutti sale una rabbia incolmabile a sentire queste notizie, e per questo siamo vicini agli amici del Asd Volley Mattinata. Noi predichiamo sempre #Alzal’ignoranza, ma questo caso è esattamente l’opposto del tipo di ignoranza di cui noi parliamo. Auguriamo che i colpevoli (perché con tutta probabilità sarà stata un’azione di gruppo!) siano puniti a dovere: gesti vandalici del genere verso strutture di pubblica utilità sono solo meschini, vili e deplorevoli.

Resta l’amarezza, nell’apprendere che nel 2020 ancora vengano fatti certi atti e non si abbia rispetto per chi, con fatica, porta avanti attività fondamentali per la comunità.

Carrelli,finestre,banchi e sedie distrutti , tappetini e pavimento della palestra bruciati , palloni e materiale…

Publiée par Asd Volley Mattinata sur Mardi 9 juin 2020

alzalignoranza blengini Chirichella coppa italia egonu femminile final 6 finale firenze giannelli giappone ignoranza imoco volley conegliano intervista italia juantorena la doppia libero lube mazzanti modena modena volley mondiale mondiale per club nazionale pallavolistibrutti pallavolisti brutti pallavolo perugia sapporo savino del bene scandicci serbia serieA sir safety perugia storie superlega torino trentino volley Trento verona volley volleyball week end weekend zaytsev

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.