Monica De Gennaro premiata per le 200 partite con la maglia dell'Imoco Volley ConeglianoIeri sera, nella splendida cornice del Palaverde di Treviso, è andata in scena la partita Imoco Volley Conegliano – Zanetti Bergamo, valevole per la quinta giornata della Serie A1 del campionato femminile. Un match completamente a senso unico, che ha visto le padroni di casa chiudere la pratica per 3-0 senza troppi sforzi. Non sarebbe stata una partita indimenticabile, di quelle che rimangono impresse nella Storia del nostro sport, se non fosse che, in questa occasione, una ragazzina 31enne, originaria di Piano di Sorrento, ha indossato la casacca gialloblù per la duecentesima occasione. Eh sì, signori, avete letto bene: 200 partitecon la stessa maglia! Quella ragazzina, una certa Monica De Gennaro, “Moki” per tutti noi, è stata acclamata e applaudita dal pubblico presente prima della gara: un mazzo di fiori ha suggellato quel legame fortissimo che ormai si è saldato tra i tifosi veneti e la pallavolista campana, vera e propria bandiera del club. Ma questo amore biunivoco va molto al di là di un bel gesto come questo: lo scrosciante applauso che le è stato tributato ne è la più grande testimonianza. Dal giorno in cui è arrivata, nell’estate del 2013, ad oggi, la De Gennaro ha vissuto di tutto: agli occhi degli sportivi risaltano Monica De Gennaro col marito Daniele Santarelliimmediatamente i 2 Scudetti, la Coppa Italia e le 2 Supercoppe (l’ultima conquistata appena una settimana fa!) vinti con lei dalle Pantere. Ma questi successi, a cui si aggiungono gli incredibili risultati conquistati con la maglia dell’Italia, sono del tutto marginali. Infatti, nel giugno del 2017, Moki ha coronato la sua vita dicendo “” davanti all’altare a Daniele Santarelli, proprio l’allenatore dell’Imoco. Daniele, originario di Foligno (nell’Umbria), con Monica condivide un passato da libero, vissuto prima di intraprendere la carriera da allenatore. La loro storia li unisce nella vita e anche in campo, dove la De Gennaro ha saputo imporsi come miglior libero del Mondo. Questa nomina è frutto di un lavoro costante e faticoso, di una ricerca accurata della perfezione, del sudore e dell’impegno messo in allenamento che ha fruttato prestazioni eccezionali tra le mura del Palaverde.

La carriera del giovane talento è sempre stata destinata ad affermarsi in seconda linea: l’altezza non è mai stato un limite per Monica, che ha fatto dell’agilità e della rapidità di movimento i suoi punti di forza. Si è da subito impadronita della difesa e ha saputo farsi strada tra le grandi nel ruolo di libero. Nel 2002 viene acquistata dal Vicenza e fa il suo esordio nella massima serie a 16 anni. Segue un percorso di crescita che la porta ad alternarsi in prima squadra e in B2, per poi affermarsi ben presto come titolare indiscussa. Conquista la nazionale, contendendo ben presto il posto al monumento Paola Cardullo. Gioca una stagione ad Aprilia (2009-10) in A2, per poi passare al Volley Pesaro, con cui conquista il primo Monica De Gennarotrofeo, la Supercoppa Italiana. Rimane nelle Marche per 3 stagioni poi, a seguito anche dei problemi finanziari della società, passa all’Imoco Volley Conegliano nel 2013, con cui instaurerà un sodalizio che è destinato a rimanere negli Almanacchi della pallavolo italiana. Ad oggi è una giocatrice di livello assoluto, un fenomeno nel suo ruolo, capace di alternare una ricezione impeccabile ad una difesa ai limiti dell’illegale. I suoi recuperi sono sempre al limite, ha una capacità nel tenere vive anche le azioni che chiunque considererebbe terminate. Maestra nel saper raggiungere con le unghie qualsiasi pallone, con lei dietro l’allenatore è in una botte di ferro. E l’Imoco gongola…

Una storia talmente bella che sembra non voler proprio concludersi e che ha visto la duecentesima timbratura del cartellino: un evento che profuma molto più di “tappa” che di traguardo. Il pubblico di Conegliano ormai non riuscirebbe nemmeno ad immaginarsi uno Starting 6 senza poter urlare: “De Gennaro!” al termine dell’elenco. Moki e l’Imoco, ormai, sono una cosa sola. E allora congratulazioni Monica, da parte di tutti noi. 100, anzi, altri 200 di questi giorni!

 

Si ringrazia la pagina Facebook dell’Imoco Volley per la foto.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.