Per coloro i quali hanno imparato a leggere (Ma braaaavi!) abbiamo creato una rubrica per conoscere meglio il mondo di coloro che, a livello professionistico, giocano a Pallavolo. Non ci fermeremo alla prima querela, benvenuta a

VERONICA ANGELONI

Allora Vero, iniziamo subito, dopo un inizio di carriera col club italia hai girato tutta la Penisola, giocando con Chieri, Novara, Vicenza, Perugia per citarne solo alcuni. Hai fatto esperienze all’estero, dalla Russia alla Francia fino all’Indonesia. Qual è il club in cui ti sei trovata meglio e quale invece ritieni sia stata la tua stagione migliore?

In Italia mi sono sempre trovata bene, non potrò mai dimentica la prima stagione con Chieri, il mio esordio nella massima serie, avevo 18 anni. Anche l’ultimo anno di Perugia è stato un anno fantastico, abbiamo giocato la Champions e la conseguente Final Four. Ho viaggiato talmente tanto che non saprei da dove cominciare, anche in Russia mi sono trovata molto bene, campionato fortissimo! Campionato molto strano in Indonesia invece, ogni settimana fai una Final 4 e ti sposti sempre, ogni settimana un angolo diverso del Paese, i palazzetti erano pienissimi! In Francia invece i palazzetti erano molto più piccoli e con meno persone rispetto all’Indonesia (picchi anche di 5 / 6 mila spettatori). Mi sono trovata bene davvero ovunque. La stagione più bella quella con Perugia, quella F4 Di Champions la porto dentro di me, ho fatto davvero un bell’anno e poi l’estate in nazionale.

Ti manca la Serie A italiana? Riesci a seguire le partite delle nostre?

Quest’anno ancora non sono riuscita a seguirle tantissimo perchè per un mese e mezzo sono rimasta nella casa del GF Vip e quindi non avevo contatti. Io il campionato Italiano lo amo, e il prossimo anno vorrei fare un pensierino per il mio ritorno nel nostro campionato. Faccio ancora per un po la straniera! 

Pensi di poter tornare protagonista in un top team del nostro campionato?

Si dai, mi piacerebbe molto! Le motivazioni non mi mancano, questo è sicuramente importante!

Come vedi il futuro della nostra Nazionale Femminile?

Io la vedo molto bene, ho una grande stima per Davide Mazzanti, guarda al futuro, ha chiamato ragazze giovani le prepara, ed ha una buona gestione delle atlete. I progetti che hanno sono fatti per “guardare avanti” e mi piacciono. Vedo la nazionale piena di fenomeni e con la carica giusta per affrontare le competizioni internazionali ed europee che l’aspettano.

Parliamo della più grande delusione degli ultimi mesi del popolo italiano: no, non è l’eliminazione della nazionale di calcio dai mondiali, ma la tua eliminazione dalla casa del Grande Fratello Vip. Noi siamo convinti che ci sia stato un sabotaggio, tu cosa ne pensi?

(ride) Ma voi mi avete votato per rimanere nella casa??! Grandi! Imploravo dentro la casa ai miei amici amanti della pallavolo e non! In una partita persa avrei rosicato di più dai, li è un gioco televisivo e ci sono altre dinamiche.

Sei da molti considerata una delle più belle pallavoliste italiane; ma se dovessimo chiederti di indicarci un Sex Symbol tra i tuoi colleghi maschi, tu chi sceglieresti?

Oddio! Mi cogli impreparata! Quando io ero “giovane” ti direi Andrea Giani! Number One indiscusso! Riguardo questa generazione di Pallavolisti mi trovi veramente impreparata, nel dubbio ti dico di nuovo : ANDREA GIANI! 

Qual è stato il momento di maggior imbarazzo quando sono venuti a trovarti Pio e Amedeo?

Con loro l’imbarazzo è dall’inizio alla fine. Sono arrivati con la pelliccia in uno centri francesi più rinomati per la riabilitazione. La prima domanda che mi sono fatta è stata “PERCHE’!?” . Sono arrivati anche durante la cena di squadra al casinò, è stato un momento molto imbarazzante, ma ricorderò sempre con il sorriso quella giornata. Ci siamo divertiti molto!

Ti vedremo prima in un Reality o nel Taraflex?

TARAFLEX TUTTA LA VITA!

Un grazie a Veronica Angeloni! La prima parte de “La Doppia” termina con questa intervista, a presto!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.